Menu
IFASinnovation Challenge - The Winners 2021

Uno diventa due e quattro è il nuovo due

Con grande sorpresa, alla seconda edizione dell’IFASinnovation Challenge ci sono stati due vincitori e quattro secondi classificati. aiEndoscopic e Limula sono le due start-up che si sono aggiudicate il premio della giuria e del pubblico, mentre al secondo posto troviamo GaDia, Movement Sciences, MUVON e Qumea. 

Testo Paolo D’Avino

«Era ora!»: Bruno Schefer tira un respiro di sollievo, e con lui anche gli ospiti di questa giornata conclusiva dell’IFASinnovation Award all’Umwelt Arena di Spreitenbach. «Sono felice che abbiamo potuto organizzare la premiazione di nuovo in presenza del pubblico», afferma il Co-Headcoach di Cosanum. Per il dinamico imprenditore è stata una grande prova di pazienza: il coronavirus, infatti, aveva mandato all’aria i suoi piani facendo posticipare l’edizione odierna, prevista per lo scorso anno. Ma la pandemia non ha frenato né il suo entusiasmo né la sua determinazione.

Il percorso verso la finale

Questa giornata di inizio novembre è fredda e piovosa, ma a risplendere ci pensano i rappresentanti delle dodici start-up che sono riuscite a qualificarsi per la tappa conclusiva dell’IFASinnovation Challenge. Il percorso verso Spreitenbach li ha dapprima condotti a un live pitch a Schlieren. «Delle oltre 60 candidature pervenute abbiamo invitato 23 start-up per una preselezione nella nostra sede aziendale. La Challenge è rivolta a giovani imprese che vogliono farsi strada nel sistema sanitario svizzero con un’idea visionaria, un servizio eccellente o un progetto innovativo», spiega Bruno Schefer.  

Motore dell’economia

Bruno Schefer, che nel suo discorso di apertura dà il benvenuto a giuria, ospiti e candidati, sottolinea entusiasta l’elevato numero di richieste pervenute, proprio come accaduto per la prima edizione di due anni fa. «La ricerca di investimenti e attenzione mediatica è forse l’esperienza più snervante che un imprenditore possa fare nella sua carriera professionale», racconta Bruno Schefer. Ma vale la pena fare questa fatica se dà buoni frutti. L’impegno è quindi stato grande per tutte le giovani ditte che hanno partecipato, ma «la presentazione odierna dei finalisti può dare la necessaria spinta a queste start-up.» L’innovazione è il motore dell’economia. 

Dalla vittoria all’affermazione

Oggi si viene al dunque, come dice il moderatore Tristan Rigendinger, che con abilità e un buon pizzico di ironia conduce la premiazione. Della valutazione di tutti i progetti pervenuti si è occupata una giuria tecnica composta da sei membri, che ha analizzato i candidati sotto il profilo della clientela potenziale, delle opportunità di mercato, dell’approccio e della scalabilità. E il fatto che oggi dodici giovani imprenditori possano presentare i loro progetti è merito dell’idea venuta a Bruno Schefer circa cinque anni fa. «Investiamo in persone e aziende perché il settore sanitario ha sempre bisogno di nuovi impulsi», sottolinea Schefer alla cerimonia di premiazione. E in quanto imprenditore sa quanto sia difficile per una start-up ricevere l’attenzione che merita. Ecco perché lo specialista svizzero in logistica al servizio della salute ha fatto squadra con l’organizzatore dell’IFAS. Per sapere che cosa potrebbe diventare lo standard in futuro, bisogna guardarsi indietro: con «Bro», tre anni fa, Scewo ha presentato la rivoluzione della mobilità in carrozzina. E dalla vittoria nel 2018 la start-up ha conquistato vari altri premi, come afferma il suo cofondatore Thomas Gemperle. «Tra gli altri, il Swiss Medtech Award 2021.» 

Un «fratello» geniale

«Siamo partiti nel 2017», afferma Gemperle. «Oggi in azienda lavorano oltre 40 persone, e l’anno prossimo saremo in 60.» La speciale sedia a rotelle che hanno sviluppato è stata battezzata dai tre fondatori «Bro», abbreviazione di «brother». «Il nostro ‘fratello’ geniale è in grado di fare le scale e superare barriere», afferma Gemperle elogiandone i pregi. Con due grandi ruote su terreni accidentati o con due cingoli che si dispiegano per salire o scendere le scale, questa sedia a rotelle non ha ostacoli che possano fermarla. «E per fare tutto questo basta premere un pulsante.» Un video stupefacente mostra come un ragazzino con la sedia «Bro» e un grande sorriso sulle labbra riesce a scendere i gradini che portano alla gola della Viamala. 

Candidati di alta qualità

Un’incredibile storia di successo, così la descrive Bruno Schefer. «È proprio questa la ragione per cui abbiamo creato l’IFASinnovation Award.» Le start-up sono pilastri importanti dell’economia del futuro, perché creeranno nuovi posti di lavoro e favoriranno la diffusione di idee innovative. «Magari la storia si ripete», aggiunge Tristan Rigendinger poco prima della premiazione. In un precedente giro di presentazione i finalisti hanno ancora potuto pubblicizzare di fronte a giuria e pubblico i loro progetti. La tensione in sala aumenta, la temperatura pure, e il moderatore Rigendinger invita sul palco il membro della giuria Bruno Schefer per annunciare i vincitori. «Oggi queste dodici start-up hanno reso la vita difficile ai giurati.» Eleggere i migliori tra così tanti candidati validi è stato un compito molto arduo, come è emerso anche dalle valutazioni, ammette Schefer. «La metà delle start-up ha ottenuto lo stesso punteggio, quindi abbiamo deciso spontaneamente di ampliare la rosa dei vincitori», annuncia così Bruno Schefer lasciando tutti a bocca aperta. 

Vittoria meritata

«Non c’è un unico vincitore principale, bensì due.» E al secondo posto troviamo addirittura quattro start-up, come afferma Bruno Schefer dopo aver aperto la busta con il risultato. I vincitori della seconda edizione sono aiEndoscopic e Limula, che – come spera il presidente della giuria – rivoluzioneranno la terapia cellulare e genica e la tecnica di intubazione. «Entrambe le aziende si sono meritate l’IFASinnovation Award 2021.» E per la gioia dei vincitori il premio in denaro non verrà diviso a metà. «Entrambe le start-up riceveranno l’intera somma di 25 000 franchi più il finanziamento di un video di presentazione.» Tutte le sei giovani e talentuose imprese premiate hanno inoltre strappato il biglietto per l’IFAS 2022. Dal 25 al 27 ottobre 2022 potranno quindi presentare i loro prodotti e servizi alla fiera specializzata svizzera del settore sanitario. 

Una questione di cuore

Informare, conoscere, condividere e collegare. Bruno Schefer vuole costruire ponti. Il potenziale creativo nel sistema sanitario è enorme, ma nessuno può prevedere con esattezza cosa può trasformarsi in un successo duraturo e cosa no. Ecco perché occorre mettere in relazione tra loro investitori, idee e un pubblico specializzato, e «con l’IFASinnvoation Challenge cerchiamo di fare proprio questo.» Bruno Schefer è più che entusiasta della seconda edizione della Challenge. La descrive come un momento magico. E a posteriori è ancora più soddisfatto. Non solo perché il suo team di marketing ha garantito il regolare svolgimento della gara, ma anche perché la qualità dei candidati lo ha pienamente convinto. Bruno Schefer può fare un respiro profondo. Dal suo volto traspaiono sollievo e soddisfazione. 

I vincitori dell’IFASinnovation Challenge 2021

Winners IFASinnovation Challenge 2021

aiEndoscopic – L’intubazione semplice

Il numero di malattie delle vie respiratorie è in continuo aumento. intuBot – così si chiama l’apparecchio per un’intubazione semplice e sicura – offre il massimo supporto tecnico su questo fronte. È utile soprattutto per il personale di servizi di soccorso e ospedali che è chiamato a eseguire intubazioni con discontinuità e in situazioni di stress. intuBot riduce le complicazioni e regola il flusso di lavoro, anche per chi è poco esperto. In questo modo è possibile ovviare anche alla prevista carenza di personale specializzato.  

aiendoscopic.com 

Limula SA – Il kit monouso per la terapia cellulare e genica

Limula ha sviluppato una tecnologia di piattaforma per la produzione a sistema chiuso e automatizzata di terapie cellulari e geniche (CGT). Eseguendo tutti gli step all’interno di un unico apparecchio non sono più necessarie grandi strutture sterili e operazioni manuali. In questo modo è possibile conservare tutto in condizioni sterili e al contempo controllare i parametri della coltura cellulare mediante analisi online. 

limula.ch 

I quattro secondi classificati

Runners-Up 2021

GaDia SA - Test rapido contro infezioni micotiche

Ogni anno oltre 300 milioni di persone in tutto il mondo contraggono infezioni micotiche gravi, con 1,6 milioni di decessi. Molti di questi casi potrebbero essere evitati con una diagnosi tempestiva e il giusto trattamento. Grazie alla sua esperienza con i test diagnostici rapidi e le malattie infettive, GaDia ha sviluppato una gamma di test rapidi per la diagnosi precisa e il riconoscimento precoce di infezioni micotiche. 

gadia.net 

Movement Sciences AG – Benessere della colonna vertebrale con strumenti digitali

Un deficit motorio determina una riduzione della capacità di rotazione della colonna vertebrale, il che comporta rigidità delle articolazioni, tensioni muscolari e dolori. PEGASUS SPINE offre un servizio completamente digitalizzato in relazione al benessere della colonna vertebrale per pazienti, personale curante e care manager mediante diagnosi, trattamenti e reportistica. Riduce subito i dolori, migliora la mobilità e consente a persone anziane e non autosufficienti di mantenere o recuperare la propria autonomia.  

movementsciences.ch  

MUVON – Nuovo metodo per il trattamento dell’incontinenza

Si tratta di un nuovo metodo finalizzato a curare l’incontinenza urinaria in pazienti donne mediante tissue engineering, che combina l’utilizzo di cellule progenitrici muscolari autologhe (MPC) con una stimolazione neuromuscolare elettromagnetica (+NMES). La terapia sviluppata da MUVON rappresenta un’alternativa efficace e a basso rischio per il trattamento dell’incontinenza urinaria da stress. 

muvon-therapeutics.com 

Qumea AG – Un’app per la cura degli anziani

La società diventa sempre più anziana e necessita di un numero crescente di cure. Se non si assistono adeguatamente gli anziani, si rischiano conseguenze sul piano finanziario e della salute. La soluzione a questo problema è un sensore radar 3D ad alta precisione, combinato a un sistema di intelligenza artificiale e a un’app intuitiva che è in grado di rilevare e valutare in tempo reale i movimenti delle persone, inclusi il battito cardiaco e la respirazione. L’app è pensata per istituzioni e reparti con un carico di cura medio o elevato nonché per strutture abitative con servizi di assistenza per gli anziani. 

qumea.com 

Initiator / Partner / Sponsor
Cookies

> Utilizziamo i cookie per ottimizzare il nostro sito web. Continuando a utilizzare il sito web, si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie, vedi il nostro IFASinnovation Challenge 2021 - PREISVERLEIHUNG

Vedere tutte le opzioni